I Navigati, la serie. Episodio n.4 - Sim swap: tra moglie e marito non mettere... la truffa!

Elena e Matteo sono alle prese con gli effetti collaterali da sim swap!

Con gli smartphone ormai facciamo un po’ di tutto, ma cosa succede se ne perdiamo il controllo? La sim swap è una truffa elaborata. I criminali riescono a convincere il gestore di telefonia mobile a spostare il numero del malcapitato su una nuova sim card da loro controllata. A quel punto possono intercettare gli sms inviati dalla banca e operare sul conto bancario del truffato. Per riuscire si servono dei dati personali che condividiamo online o che forniamo a falsi operatori della banca stessa.

Riconoscerla si può, ma bisogna poi agire tempestivamente. La sim swap è una truffa particolarmente odiosa perché la si può individuare solo dopo che è stata messa in atto. Si manifesta con un apparente problema della linea telefonica. Infatti, nel momento in cui i truffatori attivano la nuova sim card clonata (spesso succede in piena notte proprio per destare meno sospetti), si possono notare alcuni malfunzionamenti nel nostro cellulare, come improvvise e prolungate perdite di segnale, e la ricezione di numerose chiamate fastidiose, un metodo che i truffatori usano per indurre la vittima a spegnere il cellulare. La descriviamo in dettaglio qui.

Ma cosa fare in concreto in caso in cui siamo vittime di questa truffa?

  • Innanzitutto non spegnere il cellulare, anche se dovessi essere bersagliato da telefonate moleste, per non lasciare campo libero ai truffatori.
  • Contatta il tuo operatore di telefonia mobile, così da sapere se le perdite di segnale siano da attribuirsi ad attività sospette sul proprio numero telefonico.
  • Controlla il tuo conto online, e in caso di movimenti non riconosciuti, chiedi di bloccare temporaneamente le attività di homebanking o sulla carta, cambiando immediatamente anche le password di accesso.

La sim swap è un tipo di truffa in cui la collaborazione tra autorità ha già avuto grandi successi. Da circa tre anni, il Certfin assieme al Comitato Tecnico Antifrode delle compagnie telefoniche, si incontra mensilmente per fare il punto della situazione e adottare misure volte a mitigare il rischio di questa e altre truffe. Nel corso di questi incontri si sono definiti controlli stringenti e verifiche più accurate per rendere più sicuro il funzionamento da cellulare delle nostre attività bancarie e finanziarie.

E, ricordatevi, anche sotto le feste… fate come i Navigati. Informatevi. Tenetevi aggiornati sulle ultime truffe. Come? Il Certfin, che ha patrocinato questa campagna web, è un ottimo inizio.

Il web è un luogo meraviglioso, basta solo conoscerne le insidie e sapersi proteggere!