Il futuro non è un castello di sabbia. 10 - Pianificare: l'ottimismo e la disponibilità che non aiutano

Oggi pianifichiamo dentro scenari instabili. È quello che abbiamo fatto, per esempio, quando abbiamo organizzato le vacanze estive, ormai agli sgoccioli: la pandemia ci ha allenato a gestire quotidianamente l'incertezza. È in tali momenti, ce lo dice la psicologia, che ci affidiamo a vecchi schemi della nostra mente che da sempre usiamo per dare senso alle cose e prendere decisioni che altrimenti risulterebbero troppo complesse o ci spaventerebbero, comprese le scelte che riguardano la gestione dei nostri soldi.

Si tratta dei bias cognitivi, ricordate? Nel primo consiglio per l'estate  abbiamo parlato del bias della contabilità mentale.

Nella gestione dell'incertezza ne entrano in gioco diversi, ne richiamiamo adesso due che abbiamo forse sperimentato un po’ tutti alle prese con vacanze e pandemia: quello dell'ottimismo, che ci nasconde ciò che non vogliamo vedere predisponendoci a una versione dei fatti migliore di quella reale, e quello della disponibilità, che ci induce ad affidarci alle informazioni che ci sono più familiari o che sostengono i nostri convincimenti e a sottostimare l'incidenza di quadri più ampi ma di difficile lettura.

Come proteggerci dalle brutte sorprese che può generare l'interazione tra realtà incerta e giochi della nostra mente? Costruire progetti inizialmente non ambiziosi e caratterizzati da un buon grado di flessibilità, essere prudenti e non fare il passo più lungo della gamba, può essere un buon inizio, nella vita, come nella gestione delle finanze. Per esempio, tenere un registro delle entrate e delle uscite, un budget, può aiutare a valutare la sostenibilità dei propri debiti e a pagare con regolarità le rate di un finanziamento oppure può essere utile, se vogliamo fare degli investimenti e far fruttare i nostri risparmi, rivolgersi a un consulente autorizzato e, in ogni caso, scegliere titoli che consentono di recuperare senza perdite e velocemente il denaro liquido in caso di necessità.

Per leggere l'intera rassegna clicca qui.