Le Olimpiadi di economia e finanza: gli studenti campioni di conoscenze economico-finanziarie

In questa settimana si sono svolte le gare nazionali delle Olimpiadi di Economia e Finanza, una competizione organizzata dal Ministero dell'Istruzione in collaborazione con il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, rivolta ai primi tre anni degli istituti secondari di secondo grado italiani, statali e paritari.

Questa seconda edizione si è svolta online date le misure di distanziamento imposte dalla pandemia.

L'obiettivo del concorso è promuovere la conoscenza e la comprensione di fenomeni economici e sociali e sollecitare l'interesse e la motivazione a interrogarsi sulle questioni economiche, finanziarie e sociali che riguardano la contemporaneità. Come ha detto il Direttore del Comitato Edufin Annamaria Lusardi alla cerimonia di premiazione""Le conoscenze finanziarie sono oggi più che mai necessarie per creare una cittadinanza attiva e capire il mondo intorno a noi, in particolare durante una pandemia."

Migliorare il livello di alfabetizzazione di giovani e giovanissimi è una priorità per il paese

Secondo l'ultima rilevazione OCSE- PISA, i quindicenni italiani mostrano un livello di alfabetizzazione finanziaria inferiore alla media dei coetanei degli altri Paesi europei. Le ragazze fanno peggio dei ragazzi. Agli adulti non va meglio, secondo quanto evidenzia il rapporto IACOFI. Cominciare a familiarizzare con i temi di economia e finanza prima possibile nella vita, sui banchi di scuola, aiuta a far crescere adulti più consapevoli e preparati in questa materia.

L'OCSE dal 2012 ha aggiunto l'alfabetizzazione finanziaria tra le materie che i giovani devono conoscere per partecipare alla società, al pari del saper leggere, della matematica e della scienza. Nell'ultima raccomandazione sull'educazione finanziaria, approvata lo scorso autunno, ha incoraggiato tutti i paesi membri a promuovere la conoscenza finanziaria, a partire dalla scuola.

Una spinta utile a favorire lo sviluppo di un pensiero critico necessario per orientarsi in maniera autonoma e responsabile nei cambiamenti già in atto e in quelli emergenti.

Prendiamo ancora a prestito le parole della professoressa Lusardi: "La pandemia rischia di renderci ancora più diseguali. Queste Olimpiadi e gli studenti che sono qui oggi ci dicono che quelle statistiche non sono il nostro destino, che cambiare si può, e soprattutto dimostrano la potenzialità della scuola di trasformare gli studenti in campioni di conoscenza finanziaria. E non solo gli studenti delle grandi città, ma anche gli studenti dei piccoli paesi, quelli del centro città e delle periferie; non solo gli studenti dei licei, ma anche gli alunni degli istituti tecnici; non solo i maschi, ma anche le femmine".

I premiati

La competizione ha verificato attraverso 25 domande , cui rispondere in 60 minuti, il possesso di conoscenze su argomenti quali la moneta e gli strumenti di pagamento, la pianificazione e la gestione del bilancio personale e familiare, i mercati finanziari e l'impiego del risparmio, il credito.

Due le categorie premiate: junior (primo biennio) e senior (terzo anno).

Il primo classificato nella categoria junior è Luca Cecchini dell'Istituto tecnico-economico Antonio Tambosi di Trento.

Seconda classificata Alice Bianco dell'Istituto tecnico Grazia Deledda di Lecce, già vincitrice della passata edizione. A chiudere il trittico vincente per i junior Samuele Marotta, dell'Istituto economico-tecnologico Bramante Genga di Pesaro.

Per i senior il primo posto è toccato a Davide Biscaro. È lui, infatti, ad aver battuto gli avversari sul tempo, consegnando la prova in appena 2462 secondi.

La medaglia d'argento va a Elisa Fiorucci dell'Istituto tecnico scientifico Campus Leonardo da Vinci di Umbertide (PG).

Bronzo per Thomas Piffer ancora del Tambosi, che conferma l'attenzione e la passione di tutta la scuola nella competizione.