Parliamo di resilienza finanziaria

La crisi economica innescata dal Covid-19 ha messo alla prova la capacità di resilienza finanziaria degli italiani, cioè la capacità di riuscire a far fronte a improvvise variazioni negative del reddito.

Un monitoraggio Ipsos condotto tra fine aprile e fine maggio ha rilevato che tre italiani su quattro hanno avuto difficoltà finanziarie in questi mesi, o prevedevano di averne nei prossimi. La propria situazione finanziaria futura era vissuta negativamente dal 28 per cento degli intervistati (erano solo uno su dieci prima dell'emergenza coronavirus); era più che raddoppiata - dal 27 al 65 per cento - la quota di persone che prevedeva un peggioramento della situazione finanziaria dell'Italia. Solo 3 italiani su 10 hanno dichiarato di avere riserve finanziarie per più di 3 mesi e solo 1 su 4 si sentiva al sicuro.

L'ultima indagine internazionale sull'alfabetizzazione finanziaria dell'OCSE, di cui abbiamo parlato alcuni giorni fa, discute anche il tema della resilienza finanziaria. L'indagine nel nostro paese è stata condotta dalla Banca d'Italia nei mesi di gennaio e febbraio, quando non si parlava ancora di pandemia ma iniziavano a diffondersi i primi timori sul virus Covid-19. Quattro italiani su dieci dichiaravano di non avere idea di quanto tempo sarebbero potuti andare avanti se la loro fonte di guadagno all'improvviso fosse venuta meno (la media internazionale si attestava su circa il 15 per cento); una persona su tre prevedeva di avere risorse sufficienti per un periodo compreso tra uno e sei mesi, in linea con quanto dichiarato negli altri paesi.

La crisi da COVID1-19 è stata un test per misurare la resilienza individuale e, al tempo stesso, un'opportunità per concentrarsi sulla necessità di occuparsi della propria alfabetizzazione finanziaria. Vivere un momento di difficoltà finanziaria ci rende vulnerabili a frodi e aumenta la possibilità di essere vittime di usura. Si confermano presupposti imprescindibili di resilienza la capacità di saper tenere conto di entrate e uscite e di difendere le proprie risorse, acquistando strumenti per valorizzare il risparmio.