Pagamenti contactless: nuova soglia in vista

Lo scorso 28 luglio i principali circuiti di pagamento presenti nel nostro Paese - BANCOMAT, Mastercard e Visa hanno annunciato una nuova iniziativa per rispondere ai bisogni dei consumatori, sempre più digitali, alla ricerca di pagamenti semplici, rapidi e sicuri.

A partire dal 1° gennaio 2021, banche, Poste Italiane (Bancoposta), istituti di pagamento e istituti di moneta elettronica, cominceranno ad adeguare terminali e carte per rendere possibile, entro l'anno, l'innalzamento da 25 a 50 euro della soglia entro la quale si potranno effettuare pagamenti contactless, cioè senza la necessità di digitare il PIN. In caso di operazioni non autorizzate, restano ferme le regole di responsabilità per cui il pagatore, salvo il caso in cui abbia agito in modo fraudolento, non sopporta perdite.

L'iniziativa rappresenta anche una misura di contenimento del rischio di contagio connesso alla pandemia ancora in corso, poiché consente di ridurre le occasioni di contatto con i terminali presso i punti vendita. Rientra in un più articolato quadro di interventi per fronteggiare l'emergenza sanitaria che gli intermediari sono stati incoraggiati a realizzare dalla Banca d'Italia e dall'Autorità Bancaria Europea. Ne abbiamo parlato qui.

Di strumenti di pagamento elettronici e digitalizzazione abbiamo parlato più volte in queste pagine, anche per sottolineare la spinta all'uso di nuove tecnologie impressa dalla pandemia e dal lockdown, e la necessità di usare gli strumenti in sicurezza, con l'obiettivo di contenere rischi di errori, acquisti impulsivi e possibili frodi informatiche.

Se non ti è ancora capitato di navigare nel nostro sito, puoi trovare informazioni utili su questi temi qui e qui.