Arbitro Bancario Finanziario (ABF): l'organizzazione

La scorsa settimana ci siamo soffermati su come si presenta il ricorso all'Arbitro. Se non ti ricordi qualche passaggio della procedura, e vuoi fare una rapida ripetizione, ne abbiamo parlato qui.

Oggi parleremo della sua organizzazione.

L'ABF si articola sul territorio nazionale in sette Collegi: Bari, Bologna, Milano, Napoli, Palermo, Roma e Torino. La composizione di ciascun Collegio assicura che siano rappresentati gli interessi dei diversi soggetti coinvolti.

In ciascun Collegio l'Organo decidente è composto da cinque membri:

  • il Presidente e due membri sono scelti dalla Banca d'Italia;
  • un membro è designato dalle associazioni degli intermediari;
  • un membro è designato dalle associazioni che rappresentano i clienti (imprese e consumatori).

Il Presidente resta in carica per cinque anni e gli altri membri per tre anni; il mandato è rinnovabile una sola volta. Tutti i componenti devono possedere requisiti di esperienza, professionalità, integrità e indipendenza.

L'attività di segreteria tecnica per ciascun Collegio è svolta da personale della Banca d'Italia.

Le sette segreterie tecniche hanno il compito di:

  • ricevere ed esaminare il ricorso, verificando in primo luogo che sia completo, regolare e presentato nei termini;
  • ricevere la documentazione fornita dalle parti, compresa quella relativa al reclamo presentato all'intermediario e, ove ne ravvisino l'esigenza, chiedere alle parti ulteriori elementi;
  • se necessario, chiedere al cliente di regolarizzare il ricorso;
  • curare le comunicazioni alle parti relative alla procedura di ricorso.